.
Annunci online

altro_lato
l'altra metà di me


Diario


27 febbraio 2008

periodo di merda, inutilmente

per non distruggere il mio rapporto di coppia non telefono a mio moroso ma scrivo
per non infangare il blog ufficiale scrivo qui.

non so come riesca a sentirmi così, è una cosa proprio strana.
i miei momenti apatici di solito finiscono e io mi dò da fare.
sembra che io non voglia finire questo periodo. non riesco ad uscirne, in nessun modo.
da quando sono tornata, ci ho provato seriamente circa tre volte.
il risultato è stato che sono riuscita a studiare per l'esame.
ecco, ma non so ancora com'è andato, dai speriamo ben.

mi sento ammalata dentro.

la tesi è un pensiero che mi assilla. non è come quella della triennale.
dove sono partita si lentamente ma poi in quarta.
dove tutto prendeva forma con entusiasmo, dove anche con normali momenti di cazzeggio
lavoravo e lavoravo di brutto.

qui sono ferma a chiedermi come potrò mai riuscire a mettere in un libro le cose che ho da dire
mi sembra un'impresa impossibile.
mi sembra inconcebile, insormontabile e non riesco a vedere la fine.
non ho nessuna sicurezza e nessuna motivazione
mi sembra di andare alla deriva e non faccio nulla per fermarmi.

nella dieta è lo stesso.
vorrei darmi una regola, vorrei impormi come so fare in quei momenti
in cui decido di mettermi a dieta, imponendomi l'idea nella testa.
questo non succede, e io mangio e mi strafogo, con gusto
col gusto di lasciarmi andare senza pensare.

vorrei andare a ballare, vorrei sfogarmi, vorrei divertirmi
ma sembra che non ci sia mai il momento giusto
che io lo perda sempre
che gli amici siano tutti troppo distanti tra loro
che io debba sempre mediare tra tante cose
e che decida di eclissarmi io e lasciare che ognuno si diverta senza di me

le scuse o motivazioni che mi dò diventano talmente reali
e forse lo sono
non so se sia sano esserne così convinta.

sembra che non ci sia quel motivo che fa scattare l'attività ad una pigra come me
la vita mi scorre addosso e si lava via.

ogni ostacolo è insormontabile da mesi.
non so cosa mi blocchi.
perchè qualcosa mi blocca.
mi impedisce di trovare la forza, forza che ho sempre trovato
sempre tardi, sempre dopo le paranoie, sempre dopo riflessioni e struggenti momenti deficienti
ma ho sempre trovato.

ora non so dove sia
non c'è e attendo, non so cosa perchè la forza non c'è
invidio tutti nessuno escluso.
vorrei solo dormire, e dormire.

questa forza non la trovo,
perchè mi guardo indietro e mi ricordo che è da gennaio che tento di farla saltare fuori
voglia di vivere zero
voglia di fare zero
voglia di andare dallo psicologo zero
voglia di essere tollerante zero


vorrei non avere internet vorrei non perdere tempo a non fare nulla
o mangiare le patatine
vorrei andare a lezione e farmi la mia giornata fuori casa
con gli amici
vorrei vedere mio moroso più spesso
vorrei non sfogarmi su di lui, e trovare sempre futili motivi per litigare
vorrei che il weekend durasse di più
vorrei avere un lavoro e avere più soldi
vorrei non dover guidare sempre
non voglio andare a vivere in puglia
non voglio vivere qui
non voglio vivere in nessun posto
vorrei essere una studente fuori sede
vorrei essere a bruxelles ma ho fallito anche lì
vorrei essere in vacanza
vorrei non studiare scienze politiche e fare l'attrice comica
ma per fare tutte queste cose io non faccio niente
perchè quando dici "se non ci provi non succedono"
è vero solo a metà
e chi te lo dice sa che non succedono
a me della politica me ne frega fino ad un certo punto

in realtà vorrei essere una comica
o una cantante anni '80 con un'unica hit
perchè non sono come quei bambini che sanno già quello che vogliono
e hanno tutta la vita davanti per realizzarlo?
perchè sono pigra?
la pigrizia uccide e io lo so



avessi un gatto almeno




permalink | inviato da altro_lato il 27/2/2008 alle 18:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


23 gennaio 2008

accontentarsi

leggevo i post vecchi.
ho scritto in questo blog quando ero nella crisi più nera.
sono tornata ora, e non mi sento sola, non sono incapace di avere rapporti umani
come pensavo quando ero là.
i miei amici sono i miei amici, e io sono a mio agio con loro
come se non fossi mai andata via.
avevo paura che sarei stata diversa, più cretina e insicura.

penso di essermi ri-abituata a stare a casa.
mi sembra ora un mondo lontano anni luce vivere nella mia camera, o
tutte quelle sere passate sotto la cappa della cucina a condividere
una scatola di formaggio di carta tutta marcia e a ridere.
c'è qualcosa che lì non avevo, e mi mancava
c'è qualcosa che qui non ho, e che mi manca così tanto.

quello che lì non avevo era il tempo, il tempo di sentirmi stabile,
il tempo di coltivarle, quelle amicizie trovate.
il tempo di sentirmi stabile.
ora però a pensare a certi momenti di solitudine, mi viene il panico.
casa è anche protezione, ed è così confortevole.

passato il trauma da piccolo paese di merda.
devo studiare, devo fare la tesi: non ho tempo di lamentarmi
di questo.
il tempo ce l'avrei ma io lo sto investendo un po' in cazzeggio.
la solita parabola del dolce far nulla che precede il panico.

abbiamo il diritto di cercare il giusto equilibrio di quello che ci piace e che sappiamo vogliamo,
o abbiamo il dovere di accontentarci, perchè la perfezione non esiste?

intanto mi basta attaccarmi solida a quello che ho
e non perdere di vista le cose a cui tengo
anche se qui è tutto così diverso.

lì non ho trovato niente a cui tenere proprio così tanto,
la cosa a cui tenevo di più quando stavo via ERO IO.
ma forse ero sulla strada buona per migliorare.
non lo saprò mai come e quanto sarebbe migliorato ma sono sicura che un po' si. 





permalink | inviato da altro_lato il 23/1/2008 alle 18:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


21 gennaio 2008

***

va meglio.
a volte (anzi, sempre) basta parlare.
parlare.
e stare soli.
e concentrati e parlarsi e sfogarsi liberamente.

bel weekend, bellissime feste

peccato svestire i panni (qualsiasi)
mi immedesimo e vorrei

"lavorare nel cabaret e fare gli scherzi in tv" (cit.)

prossimo acquisto:
MACCHINA FOTOGRAFICA non ne posso più di stare senza

la storia avrà bisogno di testimonianze del mio passaggio su questa terra!!




permalink | inviato da altro_lato il 21/1/2008 alle 0:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


19 gennaio 2008

***

sono un po' tristina




permalink | inviato da altro_lato il 19/1/2008 alle 14:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


18 novembre 2007

è vero,

va un po' meglio.
ho ricevuto un sacco di email bellissime dai miei amici in questi giorni.
E' stata dura, lo ammetto.
Bhè ovvio non è che adesso è cambiato tutto
quando "passa" ci si sente stupidi
sembra impossibile essere stati così male
poi se ci si pensa bene,
ci si rende conto che è solo un modo per andare avanti.
è la reazione allergica di un corpo che vuole farcela,
quando la mente va in giro confusa per i fatti suoi,
anche per cose poco importanti come queste.
non mi ero MAI sentita così sola.
la solitudine è brutta.
ti sembra di impazzire.
Penso a tutte le persone sole veramente,
e mi dispiace.
Grazie, vi voglio bene
se mi sento meno stupida, è solo grazie alla vostra presenza.
se riesco a uscire una sera, sforzandomi di non esser insicura e timida,
è solo perchè mi concentro, e mentalmente penso che se ho trovato amici come voi,
non posso essere così male.
ho voglia di vedervi tutti.

un bacione




permalink | inviato da altro_lato il 18/11/2007 alle 22:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


12 novembre 2007

ciao

arieccomi nell'angolo della tristezza..il blog del pianto..
i miei momenti di malinconia si stanno tramutando in momenti di pura disperazione.
non so neanche come resisto.
inizio a temere per il ritorno.

non sarà facile, non sarà la salvezza che spero.
salvezza dal nulla che sto vivendo qui.
un nulla esteriore, che però mi é entrato dentro.
domenica? conosciuto un ennesimo manipolo di gente felice e tranquilla.
solite presentazioni, solite domande, solite formalità.
ad un certo punto mi sono resa conto che avevo necessità di tornare a casa.
o più che altro avevo necessità di tornare dentro.
mi sento troppo rifiutata per provarci.
e se a fine pomeriggio nessuno ti invita alla serata di cui hanno parlato tutto il pomeriggio,
bhé
non c'é tanto da provare,
tranne l'autoinvito a tradimento.
che non faccio dal lontano 2003.
questo strano mix tra claustrofobia e agorafobia mi spezza un po' le ossa
segno che basta.
non é il caso di farsi del male.
sei troppo una frigna per riacquistare serenità.
é andata così.
fattene una ragione, donna.

sei arrivata cercando motivi per acquistare sicurezza ed equilibrio
tornerai stravolta, insicura, impaurita.
non so da che parte guardare.
vali come una cacca di cane belga sul marciapiede,
e lo sai, sai che é vero ed é quella la cosa che più fa male.
quando non c'é il tuo pessimismo cosmico
ma solo la verità, come non l'hai mai vista prima.




permalink | inviato da altro_lato il 12/11/2007 alle 16:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


8 novembre 2007

Buonanotte

Elena quando ci salutiamo per dormire mi dice sempre
BUENAS NOCHES, FIORELINO!
(non sapevo che in spagna fosse famosa..solitamente gli stranieri sanno dirti solo
BUONGIORNO, PRINCIPESSA!)

gliel'ho scaricata e gliel'ho portata prima di dormire,
perchè era veramente triste, periodo proprio duro per lei
(anche per me, cazzo, ma non pensiamoci).
ma ho avuto molta soddisfazione,
sono andata a dormire fiera e serena
perchè sono sicura che ho regalato,
con una canzone così tenera,
una notte romantica a due persone che si vogliono bene.



detto questo, vi decidete a uscire un po'????? :-D




permalink | inviato da altro_lato il 8/11/2007 alle 19:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


8 novembre 2007

vaffanculo raianer

no, questa volta non mi hai alzato i prezzi proprio mentre mi accingevo a prenotare
non hai infilato 3 euri in più per niente al prezzo totale
non hai diminuito il numero di chili delle valigie.

compito al lavoro:
cambiare due prenotazioni.
ok, basta inserire codice prenotazione e carta di credito.
ebbene no:
non me le accetta.
vi assicuro che sono giuste.
servizio clienti?
3 ore di segnale orario spendendo come un 899.

ora ditemi cosa dico io alla mia capa
che figura ci faccio quando non é colpa mia
ma quanto cazz sono sfigata oggi?
penseranno che ho sbagliato a dare i numeri
che ho dato i numeri insomma
non é così!

p.s. ora ho provato talmente tante volte che si sono bloccate, che culo.
se solo rispondessero a quel cazzo di telefono!




permalink | inviato da altro_lato il 8/11/2007 alle 15:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


8 novembre 2007

storie diverse

Oggi ho parlato con una ragazza, una stagiaire italiana
si diceva sconvolta da che giro di gente é riuscita a farsi qua
nonostante a casa esca quasi soprattutto col moroso e non abbia sta vita mondana-

come ha fatto? coinquilini super attivi e coinvolgenti
senza tanta fatica si é ritrovata in una tribù di tedeschi festaioli.

Io voglio bene ai miei coinquilini
non posso pretendere che abbiano le stesse esigenze mie
stanno passando un periodo difficile
ma sono delle amebe.
nessuna voglia di uscire, di conoscere gente
tanto sono in 2.
allora perché non vivere da soli?

cazzi loro, certo.
la chiamerò magari.

io non ho più voglia né forza.
mi sento nuova, ma con la polvere addosso.
ancora con l'imballaggio diciamo.

é colpa mia.
dovevo capire che andava così
non dovevo avere fiducia
dovevo essere io ad essere piattola
a fare cose che di solito non faccio
dovevo lottare coi denti
dovevo promuovermi,
(e magari assumere un p.r.)
dovevo mandare l'email con le foto della canalis..
dovevo accontentarmi
dovevo fingermi diversa
dovevo andare con chi incontravo e basta
viscidi o no.
dovevo avere coraggio,
muovermi di sera anche da sola
presentarmi alle feste da sola
e alla fine,
scoprire comunque di essere sola.

sarebbe stato più facile con qualcuno
qualcun altro di normale:
una persona nuova in città che ha voglia di conoscere gente e divertirsi un po'
normale insomma.

tra poco vado via, non manca così tanto
sembra quasi insensato mettere insieme tutta la poca energia rimasta
per fare un ultimo sforzo.
non so se ho voglia

mi piace stare in cucina sola, a pensare alle mie cose
mentre preparo da mangiare
mi piace farmi la spesa
mi piace perfino andare al corso di francese.
va bene così.

non sono triste perché non esco.
mi sento come se tanto ormai é troppo tardi.
sono stanca.
sono triste perché mi sembra una cosa che ho subito,
e che mi ha fatto stare male.
e mi fa ancora.

che palle sto blog é una lagna




permalink | inviato da altro_lato il 8/11/2007 alle 9:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


7 novembre 2007

bilanci

penso che dopo averci provato,
ed essere rimasta molto delusa,
la mancanza di giro di amici, conoscenze e gente varia
SIA COLPA MIA.
non ho più voglia,
non mi interessa sforzarmi.
tutte le persone nuove che ho conosciuto
non le ho più riviste.
non mi hanno più cercata
ho fatto qualche tentativo,
ma quando non vedi altrettanti tentativi dall'altra parte
lasci stare.
quelle che incontro
non si aspettano certo che io non abbia neanche una persona
con cui presentarmi ad una festa.
quelle che vedo sempre
semplicemente non mi cagano.
e io non cago loro.
lo so che non c'é una regola per cui le persone qui da più tempo devono accogliere le nuove
però un po' di solidarietà l'avrei gradita.
madonna, quanti sfigati che se la tirano.
quanti.
come se perché un parlamentare ti prende in ufficio fossi un dio
che svolge alto lavoro di spessore politico elevatissimo...ma fammi un piacere.
una capa che non ti presenta a nessuno, non ti dice chi sono le persone che incontrate
che non ti dice niente di niente,
poi certo non aiuta.
che palle, parlo sempre di questo argomento:
rita e la sua incapacità di fare conoscenze a bruxelles.
è che mi sconvolge.
ho conosciuto persone e fatto amicizie in ogni ambiente lavorativo
in cui sono state
con le persone più diverse da me
(evidentemente in fabbrica di scarpe nessuno aveva pretese di santità).
mi sento un FALLIMENTO
mi sento una persona timida, insicura, incapace di instaurare rapporti con gli altri.
c'é qualcosa in me che non va,
punto.
ma come, venire qui doveva servirmi ad essere più sicura.

pensavo oggi
che non pensavo di riuscire a stare così da sola
forse é imparare qualcosa anche questo
arrangiarsi e non contare sulla compagnia di nessuno.

non fa per me,
non sono fatta per essere eremita.
ho bisogno di stare sola, non sopporto compagnia 24 ore al giorno
ma neanche così.

però per il momento l'unica sacrosanta cosa da fare
é farmi i cazzacci miei




permalink | inviato da altro_lato il 7/11/2007 alle 15:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio       
 
 




blog letto 58102 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Riflessioni & co.
me piase
frivolezze in libertà
no me piase
musica
sfogo post-lavorativo

VAI A VEDERE

brutta, cicciona, logorroica
miss
twin
trilly
fava
gian
la piuma
morgana
ladyliberty
svizzerotta
padovanesi
ho preso in prestito da qui








Peter Frampton - Show me the way
Joe Cocker - With a little help from my friends
De Gregori - Buonanotte fiorellino
Bic Runga - Get some sleep
Steve Miller Band - The Joker
The Bees - Listening Man
Sheryl Crow - If it makes you happy
Cliff Richards - We don't talk anymore
Beyoncè & Shakira - Beautiful liar

Alan Parson Project - Limelight
Lauryn Hill - X Factor
Carly Simon - You're so vain
Barbra Streisand and Barry Gibb - Guilty
Kim Carnes - Bette Davis Eyes
The Alan Parsons project - The Eye in the sky


































































alcune di queste foto sono prese da flickr.
Lo ammetto.Non mi ricordo da chi.
Così, le ho cercate un po' a caso senza pensare.
Se qualcuno vuole che le tolga lo dica..
So che avrebbero il copyright. Ma come si fa, sono belle.
Cercherò di sostituirle, ma prima dovrò riuscire a colorare da sola
con le mie foto tutto il blog..ci vorrà un po'! Si accettano aiuti colorati!



CERCA